Sito ufficiale del comune di Golfo Aranci

Via Libertà, 74 - 07020 Golfo Aranci (SS)
Tel. +39.0789.612900‎ - Fax. +39.0789.612914
PEC.  comune.golfoaranci@pec.it
 

Men¨ di navigazione destro

Servizi al cittadino

Tasse e tributi

Tari, tassa sui rifiuti
IMU imposta municipale propria
TASI tassa sui servizi indivisibili

Progetto giovani e impresa

Progetto Giovani e Impresa
Assistenza alla nascita di imprese giovanili

Servizi Ricettivi

mangiare         dormire

Rassegna stampa

Calendario eventi

  • Golfo aranci turismo
 
Pubblicato in:
martedì 23 dicembre 2008
Via i binari dal centro della cittÓ il G8 cancella la vecchia stazione
Olbia - La linea di trasporto merci per Golfo Aranci sarÓ mantenuta in vita con un piano integrato.
themes/comune.golfoaranci.ot.it/uploads/mkNews/attachments/1496_olbia_stazione.jpg
I binari al centro della città cominciano a diventare un ricordo da pagine ingiallite. L'arretramento della stazione ferroviaria, antico sogno di Olbia, si farà. L'accordo prevede un'unica condizione: che venga mantenuta la linea del trasporto merci per Golfo Aranci.
 
Sono i punti essenziali della prima fase del progetto firmato ieri sera a Roma, negli uffici della Direzione generale per il G8. I termini del grande accordo sono stati sottoscritti tra gli enti locali interessati (i comuni di Olbia e Golfo Aranci, la provincia di Olbia-Tempio e la Regione), Rete Ferroviaria Italiana e i responsabili della struttura di missione del G8. I tempi non saranno quelli record per la realizzazione delle opere connesse al summit mondiale del luglio 2009 a La Maddalena. L'arretramento della stazione, infatti, rientra tra le opere previste a sostegno dei territori che ospitano il vertice, una sorta di risarcimento per i disagi logistici e le spese da sostenere. Le amministrazioni locali aspetteranno che da Roma arrivi la bozza del parere ufficiale, poi si dovrà predisporre la progettazione e infine Olbia darà il via alla procedura urbanistica necessaria per completare l'operazione di arretramento della stazione ferroviaria. Il dato storico passa proprio per la liberazione della città da quei binari che hanno rappresentato un carico insostenibile di disagi per la viabilità. Questo rappresenta anche un ridimensionamento del traffico su rotaia. Resta l'esigenza di salvaguardare la vocazione centrata sul trasporto merci di Golfo Aranci. In questo senso il rappresentante del Comune ha chiesto la possibilità per Golfo Aranci di gestire la fase di passaggio. Proposta che ha trovato l'appoggio della presidente della Provincia, Pietrina Murrighile, che ha suggerito l'opportunità di studiare la questione nel suo complesso, non vincolata all'arretramento dei binari ad Olbia. L'accordo tra il comune di Olbia e le Ferrovie, interessate alla riqualificazione delle preziose aree liberate dai binari, con metri cubi a disposizione per l'edilizia residenziale e popolare, prevede interventi che partiranno dall'area che lambisce l'ex Artiglieria, poi verranno compiute ulteriori valutazioni. A proposito di piano, Golfo Aranci ne chiede uno integrato a Rete ferroviaria italiana. L'addio ai binari deve lasciare qualcosa di più di un serpente di ferro arrugginito e terreni da riqualificare. Durante la prima fase del progetto, è stato assicurato a Roma, verrà salvaguardato il trasporto merci con l'ipotesi relativa al Porto Cocciani di Olbia come scalo funzionale all'attracco delle navi merci.
Il Sardegna